sabato 29 aprile 2017

La notte che mia madre ammazzò mio padre


"La notte che mia madre ammazzò mio padre” è l’attesa black comedy spagnola che uscirà in Italia il 18 maggio (distribuito da EXIT Media) e sarà presentata in anteprima a Roma nell'ambito del Festival del Cinema Spagnolo (4/9 maggio - www.cinemaspagna.org). Un cast di stelle (Belén Rueda, già in “Mare Dentro”, “Con gli occhi dell'assassino” e “The Orphanage”, Eduard Fernández - “Biutiful”, Fele Martínez - “Tesis” e “La mala educación”, Diego Peretti - “The German Doctor”) dirette da Inés Paris. Un esilarante intreccio che mescola Agatha Cristie e il più brillante humor spagnolo.

​Succede tutto in una notte. Con i figli via di casa per una gita, Isabel si propone di organizzare la cena di lavoro che il marito Angel e la sua ex moglie Susana hanno in agenda con un famoso attore argentino: lo vogliono convincere a essere il protagonista del loro prossimo film, un giallo scritto dallo stesso Angel. Manca solo la co-protagonista e Isabel, attrice in cerca di una parte, sente che è la sua occasione per convincere tutti. Ma nel bel mezzo della serata fa capolino lo stralunato ex di Isabel che ha urgente bisogno di parlarle...

mercoledì 26 aprile 2017

La discendenza


«Ormai era già troppo tardi per tornare indietro. Troppo tardi per far capire a quei ragazzi che la vita e la morte erano lì, su quelle scale, e non nei loro elettronici simulacri, sparati nell’etere dagli schermi pulsanti dei computer e dei telefonini. Che l’uomo era carne e sangue e lacrime, non un sensazionale assemblaggio di pixel. Che la velocità era solo un gioco di specchi, che illudeva di moltiplicare le conoscenze e invece le annientava. 
Che la vera cultura richiedeva tempo, il tempo lento e paziente del raccoglimento e della riflessione». 

In libreria per Novecento Editore il nuovo romanzo della "signora del giallo" Angela Capobianchi: "La Discendenza". L’ordinaria tranquillità di una città del centro Italia è sconvolta da una catena di orribili delitti e le vittime hanno tutte a che fare con uno storico liceo classico. Ventrem feri ovvero “Colpisci al ventre”. È l’inquietante messaggio rinvenuto nelle viscere della professoressa di greco Barbara Baldi, prima vittima del killer che si firma Nerone. Chi è Nerone? Uno psicopatico sadico e violento che crede di essere la reincarnazione dell’imperatore più dannato della storia o un lucido omicida che persegue un suo misterioso disegno di vendetta?

Un thriller in cui niente è come appare: cosa si nasconde nel passato del nuovo preside e dei suoi vecchi compagni di scuola? La verità - nascosta in vecchie fotografie ingiallite dal tempo, racchiusa in diari sepolti in vecchi bauli, impressa nei ricordi lontani di chi non ha mai voluto e saputo interpretarli - non sarà indolore: porterà con sé altro sangue e altre devastazioni. Spetta al commissario Riccardo Conti risolvere l’enigma, o saranno ancora in molti a morire. 

L'AUTRICE
Angela Capobianchi è nata e vive a Pescara. Avvocato, ha abbandonato la carriera legale per dedicarsi alla famiglia e alla scrittura. Ha pubblicato Le ragioni del Lupo (Di Renzo Editore, 1998), il racconto Delitto alle Terme (Il Giallo Mondadori 2001, premio Gran Giallo Città di Cattolica 2001), I giochi di Carolina (Piemme 2006), Esecuzione (Piemme 2011, premio NebbiaGialla 2012) e Il teatro del buio scritto insieme a Rita Gambescia (Ianieri, 2014). Un suo racconto è stato pubblicato nell’antologia Giallo panettone (Mondadori, 2012).

venerdì 21 aprile 2017

Concerto per la Terra – Over the Wall

Sergio Sylvestre 

Sabato 22 aprile, il Villaggio per la Terra, manifestazione all’interno della quale si svolge il Villaggio Sport4Earth, offre gratuitamente a tutti i romani il Concerto per la Terra – Over the Wall, che sul palco allestito sulla Terrazza del Pincio, a Villa Borghese, vedrà l’esibizione di Noemi, Sergio Sylvestre (vincitore di “Amici”), Soul System (vincitori di “X Factor”), Zero Assoluto, Ron, La Scelta e la partecipazione di personalità della cultura e dello spettacolo. Il concerto avrà inizio a partire dalle ore 19 e sarà condotto da Fabrizio Frizzi.

Noemi 

lunedì 17 aprile 2017

La dura legge di Baywatch




"Noi degli anni ’90 siamo stati gli ultimi esemplari della nostra specie a provare i limiti della tecnologia digitale, gli ultimi ad aver assaggiato musicassette, in un’epoca in cui gli MP3 erano ancora un miraggio per i più; ad aver seguito delle serie televisive senza l’aiuto di Internet, pronti a spaccare il videoregistratore se solo ci fossimo dimenticati di puntarlo per catturare su VHS l’ultimo episodio della stagione perché... esatto, niente streaming e niente riassunti su Wikipedia. Siamo anche stati gli ultimi a subire la maledizione di Baywatch, ed è un segno che ci porteremo dietro per tanto, tanto tempo. E nessun remake potrà toglierci questo". 

I mini e i floppy disc, i primi videoclip di Videomusic, le serie televisive come Friends e Baywatch, e ancora, le sale giochi, le schede telefoniche o le boy band. Se a leggere questi nomi si prova un mix tra nostalgia e sollievo, allora questo è il "librogame" giusto per ritrovare lo spirito dei sopravvissuti alla grande transizione analogico-digitale, quando per scaricare una fotografia da Internet ci voleva mezz’ora. 

Mattia Bertoldi, che è nato nel 1986 e in quegli anni era adolescente, ha raccolto i suggerimenti di decine di suoi coetanei e ci racconta con ironia e un pizzico di rimpianto la musica, la tv, l’intrattenimento, le letture, le mode e le tecnologie degli anni ’90. In un percorso strutturato come un librogame, soppiantato in quegli anni dai giochi di ruolo elettronici, si chiede come sia stato possibile divertirsi, amare, studiare, comunicare senza Wikipedia, Google, Netflix e gli smartphone. E, senza prendersi troppo sul serio, rivendica con orgoglio di avercela fatta, di essere uscito indenne da quel decennio, nonostante tutto.

L'AUTORE
Mattia Bertoldi è di Lugano. Sognava il chiodo di pelle di Max Pezzali ed era innamorato di Xena e Buffy. Tifa per i Chicago Bulls, ascolta Gigi D’Agostino e ha paura dei vermi giganti del sottosuolo per colpa di Tremors. Finalista al Premio Chiara Giovani nel 2011, ha esordito con il romanzo Ti sogno, California, edito da Booksalad nel 2012, e dal 2016 è membro di comitato dell’ASSI, Associazione Scrittori della Svizzera italiana.